Un 2 giugno senza parata, le Frecce Tricolori in volo su Roma


* * * * * * * * * *
2 giugno, Festa della Repubblica
È stato celebrato questa mattina all’Altare della Patria
il 74° anniversario della Festa della Repubblica.
Una sobria cerimonia durante la quale il Presidente Sergio Mattarella,
accompagnato dal Ministro della Difesa Lorenzo Guerini,
ha deposto una corona di alloro al Sacello del Milite Ignoto


In occasione del 74° anniversario della nascita della Repubblica Italiana
rivolgo il mio saluto alle donne e agli uomini delle Forze Armate,
ed insieme a loro rendo omaggio a tutti gli italiani Caduti
lungo il difficile e sofferto cammino che ha condotto il nostro Paese
verso la libertà e la democrazia. Rendo inoltre un doveroso omaggio
a tutti gli italiani che hanno sofferto e a coloro che hanno perso la vita
in questi mesi di emergenza sanitaria. Quest’anno, le necessarie misure
adottate dal Governo per il contenimento della pandemia non ci consentono
di vivere l’emozione della tradizionale cerimonia in via dei Fori Imperiali,
ma non per questo gli italiani non potranno festeggiare con la stessa
intensità questa data tanto significativa
”.

Così il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini nel messaggio per il 2 giugno,
quest’anno celebrato senza la tradizionale sfilata su via dei Fori Imperiali.

Una cerimonia sobria, caratterizzata dal Tricolore, durante la quale
il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, accompagnato
dal Ministro della Difesa Lorenzo Guerini, ha deposto una corona
di alloro al Sacello del Milite Ignoto, omaggio a tutti i Caduti.

Presenti le principali autorità istituzionali, politiche e militari,
rappresentanti delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma
e del mondo della sanità. Una celebrazione necessariamente
in tono minore ma nel segno della ripartenza e della bandiera italiana.
Un enorme Tricolore è stato issato su due gru dai Vigili del Fuoco
proprio davanti all’Altare della Patria.

Tricolore esposto, come ormai è tradizione, anche su tutti
i Palazzi del Dicastero. A caratterizzare la cerimonia odierna le note
del Silenzio e due passaggi della Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN)
che a Roma hanno concluso il percorso iniziato il 25 maggio scorso.
Percorso che ha portato l’abbraccio tricolore sui cieli d’Italia.


Abbraccio Tricolore, l’abbraccio all’Italia delle Frecce Tricolori

* * * * * * * * * *
Verso il 2 giugno: Giro d’Italia delle Frecce Tricolori
A partire da lunedì 25 maggio, in occasione delle celebrazioni
per il 74° anniversario della proclamazione della Repubblica,
le Frecce Tricolori effettueranno una serie di sorvoli sui cieli d’Italia.
Qui il programma completo della manifestazione che si concluderà,
simbolicamente, il 2 giugno a Roma


​In occasione delle celebrazioni per il 74° anniversario della proclamazione
della Repubblica, la Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN) effettuerà
una serie di sorvoli, toccando tutte le regioni italiane e abbracciando
simbolicamente con i fumi tricolori tutta la Nazione, in segno di unità,
solidarietà e di ripresa.
A partire dal 25 maggio la PAN decollerà da Rivolto, sede
delle Frecce Tricolori, e toccherà – nell’arco di cinque giorni –
tutti i capoluoghi di regione.
Tra le città che saranno sorvolate, Codogno, prima zona rossa
dell’emergenza sanitaria che ha colpito il Paese e Loreto, dove ha sede
l’omonimo santuario della Madonna protettrice dell’Arma Azzurra.
Il 2020 è, infatti, l’anno giubilare proclamato da Papa Francesco
nel centenario della proclamazione della Beata Vergine di Loreto,
“Patrona degli Aeronauti”.

Il giro d’Italia delle Frecce Tricolori si concluderà simbolicamente il 2 giugno,
con il sorvolo di Roma in occasione della Festa della Repubblica che,
quest’anno, non comprenderà la tradizionale parata ai Fori Imperiali.
Gli aerei porteranno il tricolore sui cieli della Capitale effettuando alcuni
passaggi sulla città durante la cerimonia di deposizione di una corona
di alloro presso l’Altare della Patria da parte del Presidente della Repubblica.

Questo il programma di dettaglio:
      · 25 maggio: Trento - Codogno – Milano - Torino - Aosta
      · 26 maggio: Genova - Firenze - Perugia - L’Aquila
      · 27 maggio: Cagliari - Palermo
      · 28 maggio: Catanzaro - Bari - Potenza - Napoli - Campobasso
      · 29 maggio: Loreto - Ancona – Bologna – Venezia – Trieste


La casa della PAN illuminata dai colori della bandiera italiana

La Pattuglia Acrobatica Nazionale continua a regalare emozioni tricolori.
Anche senza volare. Infatti, le infrastrutture dell’aeroporto di Rivolto,
sede del 2° Stormo e casa del 313° Gruppo Addestramento Acrobatico
“Frecce Tricolori”, sono state tinte con i colori della bandiera italiana.
«Ripartiamo da qui: dall’entusiasmo, dall’emozione e da quel
profondo legame che non ha mai smesso di tenerci uniti.
Spirito di squadra e unità d’intenti: insieme al servizio del Paese», si
legge nel messaggio che accompagna il video dell’Aeronautica Militare.
«La casa delle Frecce Tricolori si è illuminata di verde, bianco e rosso
nella speranza di poter tornare presto a dipingere i nostri cieli».

Il video dell’Aeronautica Militare ⤵️
🔗 Le Frecce Tricolori si illuminano con i colori della bandiera italiana

Leonardo, l’M-345 pronto per il mercato e le Frecce Tricolori

Il «futuro aereo delle Frecce Tricolori» è pronto. Ottenuta la certificazione iniziale della Direzione Armamenti Aeronautici e per l’Aeronavigabilità (DAAA), ente certificatore del Ministero della Difesa, «l’aereo da addestramento M-345 è pronto per il mercato mondiale». Lo annuncia in un comunicato stampa Leonardo spiegando che il velivolo da addestramento sarà «a breve in servizio con l’Aeronautica Militare».

La certificazione iniziale dell’M-345, spiega l’azienda, «è il risultato di un programma che ha previsto circa 200 prove in volo e un’intensa attività a terra realizzata anche grazie alla collaborazione dell’Aeronautica Militare e intesa a verificare la rispondenza del velivolo e dei suoi componenti a rigorosi standard di prestazioni e sicurezza». L’addestratore M-345 «risponde al meglio alle esigenze di formazione dei piloti militari - evidenzia Leonardo - con prestazioni ed efficacia tipiche degli aerei a getto e costi comparabili a quelli dei velivoli a turboelica».

«Il riconoscimento della certificazione iniziale dell’M-345 - commenta il Capo Divisione Velivoli di Leonardo, Lucio Valerio Cioffi - conferma le caratteristiche e le capacità di questo aereo, unico nel suo genere per prestazioni, costi di acquisizione e gestione, proiettando questo aereo a pieno titolo sul mercato internazionale. Il risultato raggiunto è il frutto di una forte sinergia tra industria, DAAA e Forza Armata in ottica di Sistema Paese che si inserisce appieno nel solco dell’eccellenza nell’addestramento riconosciuta a livello internazionale alle Forze Armate italiane».

L’M-345, «grazie alla sua avionica avanzata e al sistema di addestramento integrato con innovativi simulatori connessi anche con velivoli in volo, consentirà all’Aeronautica Militare un significativo miglioramento dell’efficacia addestrativa e una maggiore efficienza con una riduzione dei costi operativi».

«I nuovi aerei - spiega ancora Leonardo - progettati per soddisfare i requisiti di addestramento basico e basicoavanzato, andranno ad integrare gli M-346 impiegati per la fase avanzata dell’addestramento dei piloti e, nell’ambito del progetto International Flight Training School, supporteranno il consolidamento del processo di crescita e internazionalizzazione dell’offerta formativa lanciata da Leonardo in partnership con l’Aeronautica Militare».

Il sistema addestrativo integrato basato sul segmento di terra e di volo dell’addestratore M-345, sottolinea ancora l’azienda varesina, include la capacità “Live Virtual Constructive”, ossia la possibilità di integrare il velivolo in volo con elementi “amici” o “nemici” simulati, permettendo di “esporre” il futuro pilota alla complessità di ogni possibile scenario operativo.

Il 1° maggio delle Frecce Tricolori diventa un Virtual Air Show

A seguito dell’emergenza Coronavirus sono state annullate
alcune delle manifestazioni aeree in Italia e all’estero a cui
era prevista la partecipazione della Pattuglia Acrobatica Nazionale:
cancellate le esibizioni del 3 maggio a Giovinazzo e Molfetta (Bari),
del 10 a Civitavecchia (Roma), del 16 a Pozzuoli e del 17 a Napoli,
del 30 al CROIMAS 2020 di Zara, in Croazia, del 31 a Cagliari,
del 7 giugno ad Alghero (Sassari), del 21 a Menfi (Agrigento),
del 5 luglio a Marina di Massa, del 12 a Punta Marina (Ravenna)
e quelle dal 17 al 19 all’Air Tattoo di Fairford, nel Regno Unito.

Rinviate anche la partenza di tappa del Giro d’Italia del 24 maggio e
la manifestazione aerea per celebrare i 60 anni delle Frecce Tricolori
del 19 e 20 settembre, due grandi eventi che avrebbero richiamato
migliaia di spettatori all’interno della base aerea di Rivolto (Udine)
e, in questo periodo, per via del divieto di assembramenti,
non è possibile consentirne lo svolgimento.

Ma la tecnologia ci aiuta e...se non è possibile assistere agli air show,
sono gli air show ad entrare nelle nostre case!

E così, dopo il grande successo del sorvolo su Roma del 25 aprile
proposto sui social dell’Aeronautica Militare in una visuale a 360°,
per la prima volta il tradizionale appuntamento del 1° maggio,
che coincide di norma con l’ultimo volo di addestramento prima
dell’avvio della nuova stagione acrobatica delle Frecce Tricolori,
è diventato virtuale, grazie alle immagini risultato di un emozionante
montaggio video di air show che si sono svolti negli ultimi anni.

A presentare la visione del Virtual Air Show è stato il Comandante,
T.Col. Gaetano Farina: «Abbiamo deciso di fare una sorpresa ai nostri
amici dei Club Frecce Tricolori e a tutti coloro che hanno mostrato
la loro vicinanza, chiedendoci di tornare a colorare i cieli e a stendere
il nostro Tricolore. Noi continuiamo ad addestrarci per questo».

Ecco il video di quanto andato in onda sulla pagina Facebook
e sul canale YouTube dell’Aeronautica Militare.