Giro d’Italia 2020, una tappa partirà da base aerea di Rivolto


Martedì 19 febbraio 2019 si è tenuta a Rivolto (Udine),
nell’hangar delle Frecce Tricolori, la conferenza stampa
di presentazione della partenza di una tappa del Giro d’Italia 2020.
Infatti, proprio dall’interno della base aerea, sede del 2° Stormo
dell’Aeronautica Militare, e per la prima volta nella storia del Giro,
partirà una delle tappe della 103ª edizione della Corsa Rosa.

Un anno ricco di appuntamenti per la base friulana: nel 2020,

infatti, si festeggerà anche la 60ª stagione acrobatica della PAN,
che culminerà proprio a Rivolto con una grande manifestazione aerea
aperta a tutti gli appassionati del volo e dell’acrobazia aerea.
Continua così la proficua collaborazione tra la Regione
Friuli Venezia Giulia, l’Aeronautica Militare e il gruppo RCS Sport.

Nell’ultimo decennio già due volte le Frecce Tricolori
hanno accompagnato il Giro d’Italia: nel 2009 durante
il passaggio della corsa proprio sulla pista di Rivolto
e nel 2014 quando la Corsa Rosa si è chiusa a Trieste.



Il Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, ha dichiarato: «Presidente da poche settimane, lo scorso anno ho avuto il privilegio di assistere alla spettacolare tappa dello Zoncolan, a margine della quale ho espresso l’auspicio che il legame tra il Friuli Venezia Giulia e il Giro d’Italia potesse rafforzarsi già a partire dalle successive edizioni. Annunciare oggi questo nuovo importante appuntamento mi riempie dunque di orgoglio, consapevole che l’unione tra il nostro straordinario territorio e un brand mondiale come il Giro rappresenti un binomio vincente su più traguardi».

Il Col. Andrea Amadori, Comandante 2° Stormo, ha detto: «Il 2020 per l’Aeronautica Militare sarà un anno importante. Proprio qui a Rivolto la Forza Armata celebrerà la 60ª stagione acrobatica delle Frecce Tricolori e lo farà aprendo l’aeroporto militare a tutti gli appassionati del volo. Collaborazioni al fianco di partner importati come la Regione Friuli Venezia Giulia e il Gruppo RCS, per iniziative affascinanti come quella che abbiamo presentato oggi al 2° Stormo, permettono all’Aeronautica Militare di far conoscere alla collettività il lavoro che svolgiamo quotidianamente, con umiltà e senso del dovere al servizio del Paese».

Il Magg. Gaetano Farina, Comandante Frecce Tricolori, ha sottolineato come: «Stendere il Tricolore più lungo del mondo ancora una volta sul Giro d’Italia sarà per noi un grande orgoglio. Lo sarà ancor di più perché sarà fatto a casa nostra nell’anno in cui celebreremo la 60ª stagione acrobatica delle Frecce Tricolori. Passione, tradizioni, dedizione e lavoro di squadra sono i valori fondamentali che contraddistinguono e caratterizzano da sempre la Pattuglia Acrobatica Nazionale così come il ciclismo ed il Giro d’Italia».

Paolo Bellino, Amministratore Delegato di RCS Sport, ha dichiarato: «Il Giro d’Italia è per il gruppo RCS un evento in continua crescita e che vogliamo sviluppare anno dopo anno. Anche il prossimo anno avremo quasi 200 televisioni collegate nei 5 continenti che ci permetteranno di raggiungere una audience potenziale di oltre 800 milioni di persone. Verranno trasmesse immagini di altissima qualità, focalizzate sia sulla parte sportiva che su quella paesaggistica, artistica e culturale che sono le eccellenze d’Italia, come lo sono l’Aeronautica Militare e le Frecce Tricolori».

Mauro Vegni, Direttore del Giro d’Italia, ha sottolineato come: «Annunciare questa partenza, per la prima volta nella storia del Giro d’Italia da un base militare dell’Aeronautica, è per me un onore. Le Frecce Tricolori sono un grande valore aggiunto che daranno lustro anche al Giro d’Italia 2020 come hanno fatto già nel recente passato. Ricordo le acrobazie e il tricolore che passava sulle nostre teste nel 2009, quando con la corsa siamo transitati proprio dalla pista di questo aeroporto, o nel 2014 quando le Frecce Tricolori hanno colorato il finale del Giro a Trieste. Con la Regione Friuli Venezia Giulia abbiamo un rapporto storico che si è consolidato negli ultimi decenni con partenze e arrivi di grande spessore e con grandi vincitori come Froome lo scorso anno sullo Zoncolan o lo spettacolare epilogo del Giro a Trieste nel 2014. Organizzare questa partenza, unica nella storia, dimostra che la sinergia tra la Corsa Rosa, il Friuli Venezia Giulia, l’Aeronautica Militare e tutte le istituzioni coinvolte è ancora una volta vincente».

Enzo Cainero, promoter delle tappe friulane del Giro d’Italia, ha detto: «Questo nuovo progetto nasce della fattiva collaborazione – che mi lega ormai a doppio filo – con la Regione, le Frecce Tricolori e RCS e che voglio ringraziare per la fiducia. Nell’ultimo decennio le Frecce Tricolori si sono esibite al Giro due volte, una volta ogni 5 anni (2009 e 2014), e non potevano mancare nel 2020 quando avranno una ricorrenza importantissima da festeggiare».

L’Ⅷ edizione del progetto “A Scuola con le Frecce Tricolori”


Briefing motivazionale, questa la formula con la quale si terranno
anche per quest’anno scolastico gli incontri tra i piloti della PAN
e gli studenti delle scuole medie e superiori di Udine e Pordenone.
Per l’ottavo anno consecutivo, infatti, la Fondazione Friuli
collabora con le Frecce Tricolori e l’Ufficio Scolastico Regionale FVG
per trasmettere ai giovani valori importanti nella vita di ogni giorno e,
un domani, nel lavoro quali il rispetto, il senso del dovere, lo spirito
di sacrificio (nello studio, nello sport, nel lavoro, nella vita),
la valorizzazione del merito, la lealtà, l’impegno, il lavoro di squadra.

L’iniziativa è stata presentata martedì 8 gennaio 2019 alle 12
a Palazzo Contarini, sede della Fondazione Friuli, alla presenza
del Presidente della Fondazione, dott. Giuseppe Morandini,
del nuovo Comandante delle Frecce Tricolori, magg. Gaetano Farina,
in una delle sue prime presenze istituzionali nel nuovo incarico
(è appena succeduto al ten. col. Mirco Caffelli), e del Vice Governatore
della Regione FVG e Assessore alla Salute
, dott. Riccardo Riccardi,
nonché di altri importanti rappresentanti istituzionali e dell’Università.

Nel progetto saranno coinvolte otto scuole medie e superiori
delle province di Udine e Pordenone
con una previsione
di oltre 2.000 studenti coinvolti, grazie all’individuazione
di location più capienti rispetto agli scorsi anni, come i teatri,
che consentiranno di allargare la platea di ascolto, data la crescente
rilevanza che il progetto sta assumendo di anno in anno.

Basti pensare che dal 2011, anno di avvio del progetto,
ad oggi sono stati coinvolti oltre 15.000 ragazzi e 64 scuole
dei due territori di Udine e Pordenone.

Al Comandante e ai piloti della PAN viene affidato
il compito di raccontare come e perché si possano, con forza,
passione e coraggio, lealmente raggiungere traguardi prestigiosi.
E questa regola non vale solo per l’Aeronautica, ma può essere
applicata a qualsiasi ambito, scolastico, lavorativo e personale.

Tra gennaio e marzo di quest’anno, i piloti entreranno
nelle scuole per portare ai ragazzi il loro esempio e per svelare
i segreti che fanno funzionare una “squadra perfetta” come la PAN.
Dopo aver vissuto la magia del volo osservando i 10 velivoli
del 313° Gruppo Addestramento Acrobatico “Frecce Tricolori”
librarsi in aria e compiere evoluzioni dalla straordinaria perfezione,
riassunta in un video esemplificativo, i giovani saranno invitati
a riflettere sul valore dell’impegno e della motivazione personale per
il raggiungimento di risultati di eccellenza, grazie alla testimonianza
del Comandante o di uno dei Piloti della formazione acrobatica.

Anche quest’anno verrà donato un gadget ai ragazzi
che assisteranno agli incontri.


IL VIDEO. “SIGNORE E SIGNORI...LE FRECCE TRICOLORI 2018”

Con il sorvolo in Alta Badia e la presentazione della Formazione 2019,
rispettivamente ultimo volo ed incontro pubblico del 2018,
è calato il sipario sulla stagione acrobatica numero 58.

Anche quest’anno le Frecce Tricolori hanno orgogliosamente steso
nei cieli nazionali il verde, bianco e rosso della nostra Bandiera,
così come sono state ambasciatrici per l’Italia all’estero
nelle manifestazioni aeree in Spagna, Regno Unito e Polonia,
e nel recente tour in Medio Oriente, in Qatar, Bahrain e Kuwait.

Dalle spiagge romagnole a quelle del nordest, dal mar Tirreno
alle cime innevate delle Dolomiti passando per il cielo di Roma,
per i laghi, per gli aeroporti e sorvolando i circuiti, proponiamo
un video con le migliori riprese da noi realizzate per ripercorrere
le tappe più significative dell’anno che sta per finire.

Ancora una volta: « Signore e Signori...le Frecce Tricolori 2018 »


Presentazione del poster e della formazione acrobatica 2019

* * * * * * * * * *
PRESENTATA A RIVOLTO
LA FORMAZIONE ACROBATICA 2019 DELLE FRECCE TRICOLORI

Nello storico hangar del 313° Gruppo Addestramento Acrobatico
si è rinnovata la tradizione ed è stato svelato il poster 2019
della Pattuglia Acrobatica Nazionale


Giovedì 20 dicembre 2018, presso lo storico hangar
delle Frecce Tricolori, alla presenza del Comandante
delle Forze da Combattimento e della 1ª Regione Aerea,
Generale di Divisione Aerea Silvano Frigerio, si è svolta
la tradizionale presentazione del Poster e della Formazione 2019
della Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN).

L’evento rappresenta ormai un tradizionale appuntamento
del 313° Gruppo Addestramento Acrobatico, una speciale
occasione per incontrare Autorità locali, Club “Frecce Tricolori”,
amici, familiari e appassionati che da più di cinquantacinque anni
seguono la PAN. Presente alla serata anche il Vice Presidente
della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi,
a simboleggiare la sempre più consolidata sinergia
tra le Frecce Tricolori ed il territorio.

Durante l’evento, il Maggiore Gaetano Farina,
Comandante delle Frecce Tricolori dallo scorso 29 novembre,
ha svelato la formazione 2019 che propone interessanti
novità in due posizioni chiave della pattuglia:
il ruolo di Capoformazione (Pony 1) e di Solista (Pony 10).
Durante la stagione acrobatica 2019 sarà infatti
il Maggiore Stefano Vit, già esperto gregario della compagine
acrobatica nazionale, a guidare in volo le Frecce Tricolori;
mentre il Capitano Massimiliano Salvatore subentrerà al
Capitano Filippo Barbero, diventando così il nuovo solista della PAN.

Nel 2019 ci saranno due nuovi ingressi in formazione:
il Capitano Federico De Cecco, pilota di Tornado
proveniente dal 154° Gruppo del 6° Stormo di Ghedi (Brescia),
ed il Capitano Alessio Ghersi, pilota di Eurofighter,
proveniente dal IX Gruppo Caccia del 4° Stormo di Grosseto,
che voleranno rispettivamente con il numero 9 ed il numero 8
al loro esordio il prossimo mese di maggio.

È arrivato poi il momento di svelare il poster 2019 delle Frecce Tricolori:
l’immagine fotografica scelta quest’anno è stata scattata durante
il looping in formazione eseguito in Alta Badia durante il sorvolo
in occasione della “Coppa del Mondo di Sci”. La prima copia
del poster 2019 è stata consegnata al Generale Vittorio Cumin,
decano del 313° Gruppo Addestramento Acrobatico.

Nel solco della collaborazione tra Aeronautica Militare ed UNICEF
avviata nel 2015, in occasione del 55° Anniversario della PAN,
anche quest’anno, nel corso della serata, sono state vendute
a scopo benefico le “pigotte”, tradizionali bambole di pezza
raffiguranti i piloti della formazione 2019.

Come da tradizione, le Frecce Tricolori hanno anche presentato
un’iniziativa di beneficenza a carattere locale attraverso
una raccolta fondi per la “Citta della speranza” fondazione
che si occupa di raccogliere fondi da destinare a progetti
di assistenza e ricerca scientifica a favore di bambini e adolescenti
colpiti da malattie oncoematologiche e rare.

Questa la formazione al completo:
      •    PONY 0 Magg. Gaetano FARINA
      •    PONY 1 Magg. Stefano VIT
      •    PONY 2 Cap. Alfio MAZZOCCOLI
      •    PONY 3 Cap. Emanuele SAVANI
      •    PONY 4 Cap. Franco Paolo MAROCCO
      •    PONY 5 Cap. Giulio ZANLUNGO
      •    PONY 6 Cap. Mattia BORTOLUZZI
      •    PONY 7 Cap. Pierluigi RASPA
      •    PONY 8 Cap. Alessio GHERSI
      •    PONY 9 Cap. Federico DE CECCO
      •    PONY 10 Cap. Massimiliano SALVATORE
      •    PONY 11 Cap. Filippo BARBERO

Cap. Liberata D’Aniello
www.aeronautica.difesa.it

Frecce Tricolori in Alta Badia, show nel cuore delle Dolomiti


Domenica 16 dicembre 2018 una spettacolare esibizione
delle Frecce Tricolori in Alta Badia, nel cuore delle Dolomiti,
ha dato il via alla seconda manche della gara maschile
di Slalom Gigante in occasione della Coppa del Mondo di Sci Alpino.

La gara è stata segnata dalla vittoria schiacciante
di Marcel Hirscher, che con l’incredibile tempo di 2.32.29
ha vinto con enorme vantaggio (2 secondi e 53 centesimi)
il terzo appuntamento stagionale del circo bianco.
Numeri impressionanti per il campione austriaco: si tratta
della sua sesta vittoria consecutiva sulla pista Gran Risa dal 2013,
il 30° successo in questa disciplina ed il 61° in carriera.
Chiudono la gara alle sue spalle due francesi:
Thomas Fanara (2.34.82) ed Alexis Pinturault (2.34.98).
Per l’Italia resta la consolazione del settimo posto in 2.35.53
del trentino Luca De Aliprandini, che ha realizzato in 1.14.44
il miglior tempo assoluto della seconda manche precedendo
persino Hirscher che l’ha chiusa in 1.14.68.
Il trentino ha recuperato così ben 21 posizioni visto
che era 28 esimo dopo la prima manche.